ISCRIVITI ALLA FIOM
FIOM
Vantaggi della riforma
  • Condividi:
  • Google Bookmarks
La sostenibilità economica del sistema è certamente il vantaggio più importante della riforma. Questo risultato avviene mediante la neutralizzazione del cosiddetto “rischio sistemico”, attraverso il meccanismo della capitalizzazione simulata (il termine “simulata” sta a significare che il calcolo è solo teorico, il nostro rimane un sistema a ripartizione, ossia i soldi versati oggi vanno a pagare le pensioni degli attuali pensionati). Questo sistema di accumulo ha il pregio non solo di allineare i rendimenti delle future pensioni ai versamenti effettivamente versati, ma anche per le caratteristiche del meccanismo di rivalutazione dei contributi versati, di legare l’ammontare del futuro assegno pensionistico all’andamento macro-economico del Paese durante gli anni di accumulo del medesimo. Quindi si paga le pensioni per quanto si è versato e che il Paese si può permettere.
Un altro grande rischio intercettato dal nuovo sistema è il così detto “rischio invecchiamento”, rischio che viene neutralizzato mediante la revisione triennale automatica dei coefficienti di trasformazione. Questi coefficienti vengono abbassati proporzionalmente all’allungamento della speranza di vita, mantenendo così la spesa pensionistica allineata a quanto effettivamente versato.
La nuova riforma del 2011 ha esteso lo stesso concetto anche per l’età minima di uscita sia per la pensione anticipata che per la vecchiaia, estendendo enormemente la tenuta finanziaria del sistema. In questo sistema è intrinseco anche un meccanismo premiante per chi ritarda l’età del ritiro dal lavoro, difatti l'anno in più lavoratori non solo aumenta il proprio monte contributivo, ma migliora anche il coefficiente di trasformazione e di conseguenza l'assegno di pensione.


stampa questa pagina
FIOM Reggio Emilia Via Roma, 53 - 42121 Reggio Emilia
Tel. 0522.457347 - Fax 0522.457399